venerdì 16 maggio 2008

La Stampa: fannulloni illustrati


L'offensiva dei giornali, fiancheggiatori del neoministro Brunetta, contro il pubblico impiego, è costante e non nuova.
L'obiettivo della campagna non sono ovviamente i lavoratori scorretti, per cui basterebbe applicare controlli e sanzioni che già esistono, ma il sindacato e i diritti dei lavoratori dipendenti.
L'articolo di colore de lastampa.it, a parte il roboante "ecco il libro nero", ma non c'è nessun libro, non fa altro che citare qualche aneddoto di assenteismo da certificato medico (ma le visite fiscali non esistono più ?), e se lo citiamo qui è solo per l'escamotage di una fotogallery allegata dal contenuto informativo palesemente nullo.

4 commenti:

il Russo ha detto...

Ciao Conteoliver, arrivo qua dopo aver letto un tuo commento grazie a Clark Kent, mi piace come usi gli articoli di corsera online e repubblica.it a volte lo faccio anch'io, vieni a fare un giro da me e , se ti va, potremmo fare come ho già fatto con piacere con pangea blu e clark kent e linkarci reciprocamente: fammi sapere!
Ciao

conteoliver ha detto...

Volentieri!

Tuya ha detto...

in più si vocifera che Sacconi sta pensando, con la complicità di sta marmaglia che ancora qualcuno si ostina a chiamare 'Sinistra', l'instaurazione a breve termine di nuovi contratti individuali nella pubblica amministrazione, così come già sta avvenendo nel privato.

conteoliver ha detto...

In effetti sembra un assalto in due tempi: prima si attaccano i dirigenti pubblici, che nell'opinione comune, grazie a queste campagne, sono i meno difendibili, poi tutti i lavoratori dipendenti.
E il sindacato non risponde.